VIOLAZIONE DEL PATTO DI NON CONCORRENZA

Il mancato rispetto del patto di non concorrenza da parte dell’ex lavoratore costituisce illecito contrattuale. Il datore di lavoro può quindi agire giudizialmente nei confronti dell’ex lavoratore per ottenere l’adempimento del patto (procedura d’urgenza ex articolo 700 codice procedura civile), nonché il risarcimento dei danni provocati dalla violazione. Per poter procedere per vie legali è necessario dimostrare l’esistenza di un patto valido ex articolo 21215 del codice civile e la violazione del patto da parte del dipendente. L’onere della prova spetta al datore di lavoro, che per la raccolta di tutte le prove necessarie può avvalersi di investigatori privati. Il team di Investigazioni Ombra Srl, composto non solo da detective ma anche da avvocati ed esperti in materie giuridiche e tecniche, è in grado di supportare il cliente consigliando la miglior strategia di intervento per ogni specifico caso.

Chiedi una consulenza gratuita  

I commenti sono chiusi.